Miele, Sciami di Api della Versilia: Pietrasanta e Camaiore | Il Polline
16330
page-template-default,page,page-id-16330,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-10.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

Il Polline

Il Polline di Api

Tra i prodotti apistici che potete trovare presso l’Apicoltura Rossi, vi è il polline d’api , raccolto dai propri alveari collocati in una delle migliori zone nettarifere e pollonifere.ape-polline
Attraverso la trappola raccogli polline, è possibile raccogliere il prodotto salvaguardando l’intera famiglia e garantendo la contemporanea raccolta del miele.
Il polline prodotto dell’Apicoltura Rossi è completamente naturale, senza aggiunta di componenti estranei quali additivi, coloranti e conservanti.

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO
Il Polline è l’elemento maschile del fiore: si presenta sotto forma di polvere finissima di colore diverso a seconda dei fiori da cui proviene.
Il Polline viene raccolto dalle api su vari fiori: con le zampette anteriori lo staccano dal fiore e dopo averlo impastato con il miele, se lo appiccicano alle zampette posteriori fino a formare delle palline di una certa grandezza; lo portano nella loro arnia dove serve soprattutto per l’ alimentazione delle giovani larve di ape e per la produzione della pappa reale.

In media ogni ape raccoglie circa 12 milligrammi di polline ogni carico e deve visitare circa 350 fiori in una giornata favorevole può fare fino a 30 viaggi; per cui per raccogliere un kg di polline sono necessari oltre 80.000 viaggi, la visita di circa 28.000.000 di fiori per un totale di 2.700 giornate lavorative e 65.000 km di volo.

Cassetto raccogli polline

Cassetto raccogli polline

Da ciò si può capire l’enorme mole di lavoro che l’ape deve svolgere e l’insostituibile funzione a favore dell’agricoltura, in quanto l’ape andando da un fiore all’altro, consente la fecondazione incrociata dei frutti e delle colture sementiere.
Le api raccolgono il polline nello stesso raggio di raccolta del nettare ed è in questa zona che è possibile notare una maggiore produzione di frutta.
A riguardo è importante ricordare l’essenziale importanza del lavoro delle api infatti Albert Einstein disse: “Se l’ape scomparisse, all’uomo resterebbero quattro anni di vita”.

Valori nutrizionali medi (Contenuto medio per 100g. di polline)
Valore Energetico 285 Kcal – 1195 KJ
Proteine 20g.
Carboidrati 40g.
Grassi 5 g.

IL POLLINE CONTIENE LE SEGUENTI SOSTANZE NUTRITIVE: DETTAGLIO

  1. Proteine: (6-30%) ad alto valore biologico sotto forma di albuminoidi.

  2. Aminoacidi: (15-22%): Leucina (7%), Lisina, Valina (6%), Isoleucina (5%), Arginina, Fenilalanina, Istidina, Triptofano.

  3. Lipidi: (l-l0%) contenenti acidi grassi insaturi e steroli.

  4. Carboidrati: (fino al 50% allo stato secco); zuccheri semplici (4-10%).

  5. Acqua: (12-20%).

  6. Vitamine: Principalmente la vit. C, B3, ac.pantotenico, ac.folico, B2, B l, B6, biotina, B 12,
    Minerali ed oligoelementi (0,5-3%). Soprattutto K, Ca, Mg, Si, P, Mn, Fe, S, Zn.

  7. Enzimi: amilasi, diastasi, deidrogenasi, fosfatasi, saccarasi, invertasi, ecc.

  8. Fattori di crescita: Sostanze ad azione antibiotica: Carotenoidi, Pigmenti, Terpeni, Nucleosidi, Ac. nucleici.

  9. Flavonoidi: (2-2,5%). Significativa la presenza della rutina in grado di potenziare la resistenza delle pareti vascolari, quercetina, miricetina e tra gli agliconi liberi l’acido trans-cinnamico. La presenza di 20 dei 22 aminoacidi utilizzati dall’organismo umano, unita alla significativa consistenza degli aminoacidi ramificati (Leucina, Valina ed lsoleucina), di tutti gli aminoacidi essenziali (compreso I ‘Istidina essenziale nel bambino) e delle proteine ad alto valore biologico, giustificano le proprietà anabolizzanti attribuite al Polline.

Il polline allo stato fresco può contenere da l a lO milioni di fermenti lattici per grammo, fermenti che hanno un benefico effetto sulla flora intestinale. Contiene anche fibre, che contribuiscono a regolarizzare le funzioni intestinali.
Il polline nel nucleo della sua cellula racchiude il segreto della vita: le molecole DNA (acido desossiribonucleico) e RNA (acido ribonucleico) che garantiscono la funzione vitale di tutte le cellule.Grazie a queste sostanze rafforza e nutre l’intero organismo, combatte gli stati di affaticamento psicofisico rivelandosi un ottimo rimedio

capace di produrre un generale miglioramento delle condizioni psicofisiche: incremento della resistenza alla fatica, regolazione delle funzioni metaboliche e un aumento delle capacità cognitive.
Usato dagli atleti per aumentare la resistenza alla fatica e allo sforzo muscolare, trova impiego nell’attività fisica degli sportivi per l’apporto dei carboidrati e lipidi ma soprattutto come fonte di proteine e di aminoacidi essenziali, superiori a quelli della carne, delle uova e del formaggio, che giustificano le proprietà tonificanti date anche dalla presenza di 20 dei 22 aminoacidi utilizzati dall’organismo umano.